Servizi di assistenza domiciliare e scolastica disabili

Da quasi 20 anni Cooperativa Azalea svolge servizi di assistenza scolastica e domiciliare per ragazzi disabili, minori in difficoltà e persone fragili. Opera sui territori degli uffici di Piano di Menaggio, Alto lago e Costa orientale del lago di Como (Bellagio e Lezzeno).

Servizio

Il servizio, tramite l’intervento specifico di un educatore professionale a domicilio ha la finalità di sostenere il benessere di minori, persone con disabilità, adulti, anziani, e loro famiglie che a causa della situazione ambientale, familiare e condizioni personali, necessitano di interventi specifici e diversificati nelle modalità, nei tempi e nei luoghi, secondo un progetto personalizzato che riguarda la persona, il nucleo familiare e il contesto relazionale e ambientale. Gli interventi educativi domiciliari si possono configurare come un servizio preventivo. Perché è finalizzato a mantenere il soggetto fragile nel proprio ambiente familiare e sociale. Ne evita l’allontanamento e l’istituzionalizzazione. Ne previene la degenerazione ulteriore del disagio ed il rischio di emarginazione. Può essere considerato un servizio di tipo riparativo in quanto offre un sostegno a famiglie che si trovano in seria difficoltà nel gestire la propria situazione.

Gli  obiettivi specifici del servizio possono essere così declinati:

  • promuovere le competenze necessarie all’assunzione del ruolo e delle responsabilità genitoriali, aiutando i genitori a far emergere e attivare le capacità e le potenzialità latenti ma temporaneamente inespresse o inutilizzate;
  • favorire una positiva collaborazione della famiglia con i servizi e le agenzie educative, formative, culturali, ricreative, socio sanitarie  e lavorative territoriali;
  • contribuire alla permanenza in famiglia di soggetti fragili che vivono in contesti psico/socio/educativi/culturali di svantaggio;
  • offrire modelli di vita alternativi che permettano una identificazione positiva, lo sviluppo di autonomie personali, e favoriscano l’integrazione e le relazioni sociali tra pari;
  • osservare le dinamiche familiari e monitorare la situazione di vita di soggetti fragili appartenenti a contesti familiari ad alto rischio;
  • offrire interventi di sollievo e sostegno alle famiglie con presenza di soggetti fragili, aiutandoli nella gestione delle attività quotidiane di accudimento e nel riconoscimento delle autonomie raggiunte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *